Il team BizDev si ingrandisce: benvenuta Elisa Tassoni!

Raccontaci di te!

Nonostante io non sia trentina di nascita, in quanto sono cresciuta in un piccolo paese della provincia di Vicenza, considero Trento la mia seconda casa, poiché mi ha ospitato e accolto diverse volte negli ultimi 7 anni. Nelle prime due occasioni si è trattato di trasferimenti legati agli studi universitari – Laurea Triennale in Studi Internazionali e Master in International Management – mentre l’ultima è proprio legata a U-Hopper!

In ogni caso, ho 26 anni e sono una persona positiva e proattiva, amante delle attività outdoor (soprattutto sportive), afflitta da una strana forma di dipendenza dalle montagne.

Come sei capitata in U-Hopper?

Direi per una congiunzione astrale! Scherzi a parte, ero alla ricerca di un’esperienza professionale dinamica e stimolante. Una domenica la scorsa estate visitai un caro amico conosciuto all’università, che aveva svolto un tirocinio presso U-Hopper lavorando ad un progetto veramente interessante, su cui poi scrisse la tesi di laurea magistrale. Parlando del più e del meno, mi disse che U-Hopper stava cercando una figura business. Mi descrisse U-Hopper come un ottimo ambiente, dove poter imparare e crescere molto sia sul piano professionale che umano. Sembrò esattamente quello che stavo cercando, tanto che nelle settimane successive mi misi in contatto con U-Hopper, mi informai, sostenni un paio di colloqui ed… ero parte del team!

Quando hai preso contatti con U-Hopper, quali aspetti ti hanno subito colpita?

Mi considero una “people person”, pertanto molto spesso è la prima impressione che conta per me. Sicuramente ricordo di essere rimasta positivamente colpita dall’incredibile disponibilità e flessibilità che U-Hopper mi dimostrò sin da subito in occasione dei colloqui iniziali, poi confermata con l’avanzare del processo di assunzione. Potrà sembrare contraddittorio, ma apprezzai anche la puntualità comunicativa ed esecutiva, che a mio parere è essenziale per essere efficienti sul lavoro, così come nella vita in generale.

Direi che la bilanciata combinazione di questi due aspetti – per nulla facile né ovvia – che stavo cercando da qualche tempo, fu la prima impressione molto positiva che ebbi di U-Hopper.

E gli aspetti che stai apprezzando adesso, a distanza di un mese dal tuo inizio?

Da buona BizDev andrò direttamente alle relazioni personali. Mi piace molto l’atmosfera di squadra dinamica ed eterogenea che ho trovato in U-Hopper, dove ognuno è consapevole di essere indispensabile e si sente apprezzato dai colleghi. Questo tipo di ambiente favorisce la capacità di lavorare in squadra – da non dare per scontata! – che credo sia di fondamentale importanza per avere successo e crescere nella vita di tutti i giorni.
Inoltre, nonostante io abbia scritto una tesi di laurea esplorativa sulla protezione legale dei dati e sui nuovi modelli di business legati al mondo delle automobili connesse ed autonome, concetti come big data analytics, machine learning e AI sono abbastanza nuovi per me. Pertanto, apprezzo molto la possibilità di affrontare ogni giorno come una sfida, alla scoperta di qualcosa di nuovo. Grazie alla pazienza dei miei colleghi, sto – lentamente – imparando molto su questi argomenti.
Infine, ma non meno importante, mi piace il fatto che siamo per lo più molto sportivi: condividere passioni e interessi è assolutamente eccezionale.
E tutto ciò solo dopo poche settimane!

Cosa ti aspetti dal futuro in U-Hopper?

In tre parole: imparare, crescere, fare esperienza. Non vedo l’ora di imparare molte cose nuove e stimolanti, che mi aiuteranno da un lato a crescere a livello umano e professionale, dall’altro ad acquisire l’esperienza necessaria per poter contribuire al successo della squadra!

Qualche altro aspetto interessante di te? (interessi personali ecc., non professionali)

Sono molto appassionata di turismo d’avventura, che ho sperimentato sin da giovanissima, grazie alla (in)coscienza dei miei genitori. E non ho certamente intenzione di fermarmi!

Ottimo, grazie e buona fortuna!