New entry del team sviluppatori: benvenuto Stefano!

Ciao Stefano! Parlaci un pò di te.

Ho 26 anni e sono originario della Val di Non, forse più conosciuta come “la valle delle mele” del Trentino. Oltre a lavorare full-time per U-Hopper, sono uno studente di Informatica all’Università di Trento. Mi mancano solo 2 esami per concludere la laurea magistrale, non vedo l’ora! 

Come hai conosciuto U-Hopper?

Ho conosciuto U-Hopper mentre ero alla ricerca di un tirocinio formativo per il mio corso di studi; tirocinio che ho poi svolto presso ThinkInside, la controllata di U-Hopper, e che è evidentemente andato bene perché al suo termine sono stato subito richiamato da Daniele con un’offerta di lavoro!

Di che cosa ti occupi? 

Svolgo il ruolo si software developer e system administrator. Da quando sono arrivato, ho avuto l’opportunità di lavorare su diversi fronti e molteplici progetti, partendo da Tapoi – la soluzione di customer intelligence che stiamo sviluppando al momento – arrivando fino a BlueAlpaca, il progetto europeo che prevede la realizzazione di quattro soluzioni chatbot al servizio dei cittadini. Inoltre, affiancato da Carlo, mi occupo di mantenere online e funzionante l’intera infrastruttura dell’azienda.  

Se dovessi descrivere U-Hopper in tre parole, quali sceglieresti?

Great Team Working!

Nel tuo tempo libero ti dedichi a qualche attività particolare?

Tra lavoro e studio, non mi rimane troppo tempo libero! Però sì, appena trovo un momento, mi dedico alle mie due più grandi passioni: la fotografia e l’elettronica. Per quanto riguarda la prima, mi reputo un fotografo amatoriale. Mi piace sperimentare tecniche nuove e il mio soggetto preferito sono i ritratti, meglio ancora se scattati quando la persona non è consapevole di essere fotografata. Trovo che siano le foto migliori: spontanee e che racchiudono le vere emozioni del momento! Sono anche iscritto ad un piccolo gruppo fotografico locale che talvolta organizza interessanti “escursioni fotografiche” alle quali partecipo. 

E cosa ci dici della tua seconda passione, l’elettronica? 

Di tanto in tanto mi diverto a progettare e costruire piccoli sistemi elettronici che magari posso riutilizzare nel campo della fotografia, come dispositivi di scatto remoto oppure sistemi di controllo dell’illuminazione.

 Interessante! Raccontaci un’ultima curiosità su di te!

Ogni tanto provo a cimentarmi in qualche complicata preparazione culinaria, con risultati (a mio modesto parere) più che accettabili.

Il tuo cavallo di battaglia? 

Aspetta, aspetta. Non sono ancora a livelli da Masterchef! Per ora solo “sperimentazioni”, ne riparliamo più avanti 😉  

Grazie Stefano!